RSS

Autorità materna

12 Giu

Catrin Arno (11)Sicuramente mi sono inselvatichita nel mio rapporto con l’autorità, pur avendo una disposizione di allieva diligente, ho imparato davanti al silenzio di mia madre ad ascoltare forze inconsce che mi hanno travolto più che se avessi accettato la sua autorità, ma lei non poteva pronunciare parole autorevoli per me, non le aveva ricevute e così tra noi doveva bastare  il lessico frettoloso di compiti di sopravvivenza serbando nel cuore il mutismo del sentimento o dei sentimenti…tanti e contrapposti…devozione e rivolta, rabbia e acquiescenza…poi sono arrivate le parole autorevoli di altre donne, come quelle di Luisa Muraro ne  L’ordine simbolico della madre, a portare un chiaroscuro laddove c’era un’opaca sospensione, a redistribuire luci ed ombre fino a farne immagine, scrittura, paesaggio, corpo, dimora, ad alimentare di alito vivente la materia sorda che ci aveva rinchiuso. Così ho ritrovato nell’origine materna la sicurezza e l’orgoglio di un “inizio”, la pacificazione dell’appartenenza, il radicamento dentro un’energia che ci fa risalire di grembo in grembo fino al corpo dell’universo.

Di nuovo ieri ho letto con passione Autorità (Rosenberg&Sellier 2013) di Muraro, di nuovo  pensieri e sensazioni  e altro “ordine” da fare, riconoscere, assumere…ritorna la mia selvatichezza e diffidenza su la parola autorità anche se Muraro la pronuncia disgiunta dal potere e dentro una forza simbolica che afferma libertà femminile…riconosco la disparità nei rapporti tra donne  a cominciare da quella tra madre e figlia, allieva e maestra, tra sorelle e amiche e donne  che possono aprirci al nostro desiderio di essere con la loro sapienza e allora mi chiedo se il principio che può muovere lo scambio dentro queste relazioni possa essere quello dell’autorità…mi pone meno resistenze parlare di potere femminile .

Adesso posso dire che nelle relazioni tra donne quello che mi “muove” è l’ammirazione e la maestria.

Nicoletta Nuzzo

l’immagine è un’opera di Catrin Arno

Annunci
 
6 commenti

Pubblicato da su 12/06/2013 in incontri, letture, raccontarsi

 

Tag: , ,

6 risposte a “Autorità materna

  1. Simonetta Spinelli

    12/06/2013 at 16:57

    Mi è rimasta dentro da sempre una frase di Elena Gentili, una donna fondamentale per il femminismo romano, che ci ha lasciate troppo presto: “Amo le donne per intelligenza d’amore”. Ho sempre pensato che avesse a che fare con l’autorevolezza e non con l’autorità. In nessun caso mi sembra che l’autorità produca intelligenza d’amore. Al contrario della tua poesia. Ciao
    Simonetta

     
    • silvana sonno

      12/06/2013 at 19:03

      Ho sempre avuto difficoltà a rapportarmi con termini quali autorità e potere. Va meglio con autorevolezza. Ma preferisco sempre i termini riconoscimento e/o risonanza, quest’ultimo come lo declina Carla Lonzi quando dice: ” “Il femminismo ha inizio quando una donna cerca la risonanza di sé nell’autenticità di un’altra donna perché capisce che il suo unico modo di ritrovare
      se stessa è nella sua specie”. Risonanza e autenticità parole sorelle. Sorellanza la sintesi.

       
      • nicolettanuzzo2013

        13/06/2013 at 08:59

        Sì anch’io mi sento senz’altro più vicina ad un termine come autorevolezza perché (a differenza dell’autorità che delinea una gerarchia) richiede il ”riconoscimento” dell’altra e se ciò avviene per risonanza e intelligenza d’amore mi sembra il modo più armonioso di avvicinarsi così anche a se stesse. Grazie ad Elena Gentili, Simonetta Spinelli, Silvana Sonno, Carla Lonzi e a tutte le sorelle d’amore che ho incontrato.

         
  2. Paola Zaretti

    15/06/2013 at 08:41

    Solo chi rifiuta la propria schiavitù rifiuta la sudditanza dell’altra perché ciò che ama per sé, è anche ciò che ama nell’altra, dell’altra, per l’altra. Autorità è parola pericolosa bandita dal mio vocabolario. Il testo di Muraro, a di là delle apparenze, è autobiografico. Sta parlando di sé e della sua autorità alla quale non ha mai saputo rinunciare. Mi spiace non sono d’accordo con un certo genere di femminismo che non so più da quale genere appartenga.

     
  3. Meskalila Nunzia Coppola

    23/06/2013 at 20:21

    Complimenti, Nicoletta!

     
  4. Meskalila Nunzia Coppola

    23/06/2013 at 20:23

    Io preferirei “Potenza femminile”, ossia Shakti!

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: