RSS

Eccesso di luna

Esce in ottobre il mio nuovo libro di poesie: Eccesso di luna, Editore Rupe Mutevole.

Eccesso di luna come eccesso dell’io che scoppia in gola e che risale femmineo come marea attratta dal cielo. Duole il non io. Si tratta di sporgersi evaporare essere convocati ad un di più, l’io è proteso e non permette ai tatuaggi incisi sulla pelle di strappare la mente in germoglio. Quando mi diminuisco è per farmi seme per un altro raccolto, per il resto stelle filanti dal mio corpo si portano avanti, è un trascinarmi di corrente oltre la linea della pelle. Come Atlantide. Quando arriverà il mare vero sarò già pronta con le ossa ed i polmoni cresciuti di erbe. Qualcosa accadrà, nell’incavo le api hanno già messo a punto i loro esagoni. Intanto pensieri ed emozioni ed io come una carne una saremo portati in figura dalla stessa madre ricreata in fusione e in chiaroscuro ovunque.

Nicoletta Nuzzo

 

 

SABATO 21 OTTOBRE ore 19.00
Biblioteca San Matteo degli Armeni
Presentazione libro di poesia Eccesso di Luna
di Nicoletta Nuzzo, poeta. Editore Rupe Mutevole Poesia, 2017.

Sarà presente l’autrice.
Lettura di poesie a cura di Sandra Fuccelli.
Commento musicale al violino di Lucia Sagretti.

Ingresso libero. A seguire piccolo aperitivo.

 

 

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15/10/2017 in poesia

 

Tag: ,

Gli occhi dei fiori

 

In questa nuova raccolta di poesie “Gli occhi dei fiori” (Midgard Editrice 2016) di Federica Ziarelli i fiori effondono e si prolungano fino a noi in parole e sentimenti. E allora anche in forma di haiku ecco sfilare il glicine “di ogni nostalgico bel tempo” come a fasciare con i suoi nastrini color Violetta di Parma le lettere mai spedite; i gigli “una coperta di stelle profumate” per la pietas di un corpo spoglio nell’estrema ora; la rosa  ”Principessa…ma sotto nascondi verde spina che fa lacrime!” nell’altalenare dell’amore. Fiori come semi e petali come miracolo del fiorire e del donarsi e simbolo di una bellezza insostenibile perché mortale come gli esseri umani. “Che sia fame per la mia bocca respinta!” è la sfida di una fervida cercatrice di luce e pace. Il dio si commuove degli umani e della loro ”sottigliezza trasparente/delle ossa” ne fa “disco di petali raggianti”. I fiori ricevono in punta di piedi l’inchino del cielo e intorno a loro il brulicare delle fate, delle ninfe, della pioggia, della vita molteplice e soprannaturale.

Così la poeta Federica Ziarelli musica e ridesta in poesia la Natura anche nelle sue parti più fragili come i fiori, ma anche l’umano in tutta la sua nostalgia struggente dell’Origine. La solitudine sfuma in un’appartenenza carnale, spirituale ed emotiva con l’Essenza. Così lei ci accoglie in un abbraccio iridescente.

Nicoletta Nuzzo

 

In copertina l’illustrazione è di Alba Pasquini

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 04/07/2017 in incontri, poesia, recensione

 

Tag: ,

Aspettando l’aurora

Su Federica Ziarelli, Aspettando l’aurora, Midgard Editrice, 2016

E’ una scrittura, quella di Federica Ziarelli, che interiorizza gli opposti e poi li estroflette con vitalità dirompente e la magia di una pianta esotica che fiorisce in una sola notte.
Il suo sentire declina in tante sfumature, tonalità e accenti di emozioni.
Le sue parole in prosa e poesia sono infiorescenze sensuali, guizzi saettanti che ci portano nell’incanto dell’amore che “è questo sguardo comprensivo e misericordioso che sa tutto di noi eppure continua ad amarci”. Nicoletta Nuzzo

Nascita

Nascita
come tunnel nell’universo
cosparso di stelle e caos
e di battiti di cuore accelerati che non si possono arrestare.
E sei immensa oh madre,
sei piccola come un fungo tra l’erba alta;
la gioia ti fa brillare, la paura ti risucchia.
Sei una gondola felice
una scatola aperta a forza,
una pesca spaccata ed il suo nocciolo nero.

Federica Ziarelli da Aspettando l’aurora

Immagine: L’Aurora di William-Adolphe Bouguereau,1881

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 08/05/2017 in incontri, letture, poesia

 

Tag:

Mio padre


Mio padre

arriverà pomeriggio
uscirò dalle lenzuola
e saranno ancora vecchie queste mie cose
che si ripetono uguali insieme al caffè e alle pastarelle,
il corpo a orologeria ha messo a punto il mio nucleo cerebrale,
mi ipnotizza il tic tac
e cedo alla mania regolare dell’inedia,
mio padre cercava un unguento per farmi cambiare,
innocuo ma struggente il suo ossigeno sulla mia pelle

Nicoletta Nuzzo

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 20/03/2017 in poesia

 

Tag:

Scacco

Scacco 

C’è una miseria che è dell’umano
che cova nel recinto del suo corpo,
c’è una miseria più grande
che è quella delle donne in schiavitù nel recinto delle mura.

Ad ogni generazione ogni figlia
ne chiede conto alla propria madre
in un corpo a corpo infiammato da rabbia ma anche da disprezzo,
le madri rimuovono “questo perché”
restituendolo alla propria madre
che a sua volta lo riporta sempre più su fino all’inizio,
fino al matricidio che il padre ha commesso
perché non poteva sostenere un altro sguardo,
delle visceri che sapevano popolare la Terra…
e un delitto in famiglia è colpa di tutti
ed è da nascondere
e così quel sangue materno è rimasto indifeso e intriso di vergogna.

Ma la miseria è un’onda
che si risolleva nella cadenza dell’essere,
ricompare nell’affanno del prendere la parola,
nel guardare di sbieco e con sospetto un’altra donna
che più bella più brava ci potrebbe sostituire nella servitù,
miseria è sprofondare nell’esclusione,
in un vuoto senza radici,
miseria è sopportare con la rinuncia la propria illibertà.

Nicoletta Nuzzo

 

opera di Elaine Despins. “SQ1″, 76 x 76 cm / 30 x 30”